english spanish italian

Post hardcore

Velocitá, precisione, alternati a attimi piú lenti e violenti, il tutto collegati da una voce che passa dal melodico a una voce urlata che esce direttamente dalla viscere della ribellione giovanile.

STAI ASCOLTANDO

2021-09-25

Breve storia del post-hardcore

Dall’ibridazione di diversi stili, ma principalmente dall’evoluzione dell’hardcore punk, nasce tra la metà e la fine degli anni ottanta il post hardcore, uno stile eclettico, complesso ed elaborato nella sua composizione.
Il genere ancora in incubazione si sviluppa a partire dall’area di Washington, dove hanno sede etichette come la SST Records e la Dischord Records e operano band come i Fugazi. Come loro, anche altre band si dettero alla sperimentazione sull’hardcore punk virando verso altre sonorità, influenzati dal noise rock di cui i Sonic Youth erano capo scuola e dal post punk dei Joy Division e altri artisti degli anni ‘80. La SST Records si fece sulla di questi gruppi fornendo loro contratti discografici; tra loro vi saranno Minutemen, Hüsker Dü, Meat Puppets, Dinosaur Jr. e Gone.

A traghettare il genere fino agli anni ‘90 e a diffonderlo nella scena 'youth crew', oltre ai già citati troviamo anche gli Unsane, i Quicksand, gli Helmet, i Glassjaw e gli On the Might of Princes.
Il vero boom di band post-hardcore, tuttavia, si avrà soltanto sul finire di questa decade: è il turno dei Thursday, dei Thrice, dei Finch e dei Poison the Well.
Gli anni 2000 vedono finalmente l’attenzione delle major della produzione cinematografica concentrarsi su alcune di queste band. Nel 2003, la Atlantic Records mise sotto contratto i Poison the Well e la Geffen i Finch. La Island Records mise sotto contratto i Thrice e i Thursday, portando ad una crescita delle vendite del genere: 'The Artist in the ambulance' dei primi e 'War all the Time' dei secondi entrano nella top 20 della Billboard 200. Le porte di MTV e i Warped Tour si aprono anche per i complessi post-hardcore del nuovo millennio: tra questi, ad ottenere grande visibilità saranno i The Used, che ottengono due dischi d’oro con gli album 'The Used' e 'In love and death', dopo la pubblicazione di due hit minori.

Gli anni 2000, tuttavia, sono ancora anni di sperimentazione sul post hardcore, che con l’intervento della componente elettronica diventa electronicore, genere ancora oggi in crescita e la sua nascita si lega agli Enter Shikari e al loro album di debutto 'Take to the skies'. Altri artisti, invece, hanno miscelato il progressive con l’hardcore sulla scia degli At the Drive-in, creando un prodotto innovativo, complesso, che affianca la componente melodica a screm, breakdown, ritmi veloci e aggressivi. Ottimi esempi di questi risultati li trovare negli Of Machines, nei First Sign of Frost, nei Dance Gavin Dance e, infine, in Devil Sold His Soul.
Tag: post, hardcore, punk, used, enter, shikari

Lascia la tua opinione