english spanish italian

Amare e fare rave alla Loveparade

Amare incodizionatamente sconosciuti, farsi trasportare dalla folla e dalla follia, dj che ti scaldano e dance che ti ipnotizzano, euforia totale fino a che non cadi esausto e tutto si trasforma in commerciale.
Ultime canzoni aggiunte alla playlist:
1-Gouryella - Gouryella (original Version)
2-Arty - Hope
3-Rank 1 - Awakening (radio Edit)
4-Oceanlab - Beautiful Together (original Mix)
5-Ferry Corsten - Galaxia
Tags:

STAI ASCOLTANDO

2023-02-05

L'amore abbatte i muri

Il cuore che pulsa al ritmo del piatto, vibra con le membrane degli enormi altoparlanti che sovrastano il cielo afoso di Berlino. Se sei mezzo alla folla che balla all’unisono, attraversata da un’esplosione centrifuga che dal palco del dj si espande all’esterno, la deflagrazione sonora ti passa tra le ossa e le lascia riverberare, muovere senza volontà: un’onda d’urto che non si blocca contro un muro di piombo ma si espande al mondo intero.
Non tradisca il vocabolario: è la più pacifica delle bombe, un’arma al contrario che parla di un futuro dove la fratellanza si gioca sulla pista di un locale o sulla piazza di una metropoli che non sogna più un domani diverso ma lo vede arrivare, al di là della cortina di un muro.
La musica può tanto, e con linguaggio profetico può anticipare le picconate che pochi mesi dopo butteranno giù le scaglie graffitate della barriera innaturale alla base di una divisione lunga più di trent’anni. È luglio, anno di grazia 1989, un anno che cambia la faccia all’Europa dell’est, ma prima di girare la pagina della storia è il tempo di ballare.
Al ritmo incalzante della dance di Dr Motte si suda e gode sbattuti dagli schiaffi elettronici della Love Parade. Nelle edizioni successive si arriva anche ad essere in un milione sotto le luci e i martelli della techno lungo l’arco luminoso di tutti i ’90. Quando arriva il nuovo millennio e il muro di Berlino è fotografato dove ancora se ne trovano i brandelli si continua a ballare in altre piste di asfalto della Germania, sempre sotto l’effige di parole come Pace, Amore, Amicizia: sillabe che si squaglieranno nella tragedia dell’edizione 2010, l’ultima, nella quale perdono la vita 21 persone.
Dopo le ferite di decibel ai timpani, i neuroni perduti nella capsula di una pasticca, le canottiere intrise di sudore e fumo, rimane un sibilo di sottofondo alla grancassa degli amplificatori: il dubbio che furono proprio i ritmi di quella prima Love Parade a entrare sottotraccia nello scheletro del muro tra est e ovest, decretandone l’imminente fine per implosione sotto la cometa della parola Amore.
Tag: Love Parade, elettronica, amore, Berlino, ballare, dance
Puoi essere anche tu un Guest Writer di Staimusic. Semplicemente scrivi la tua visione su questo post o su un aspetto particolare della musica a info@staimusic.com
2022-06-24

Love Parade

Siamo nel 1989, Berlino, cade il muro. Dr. Dj Motte. E´ il momento di trasgredire, il momento in cui finalmente la vita va vissuta. Il buio é sparito, adesso bisogna colorare, bisogna colorarsi. Non solo LSD, acidi, sesso sfrenato, alcool, vestiti provocanti e coloranti, ma un muro di suono che si abbate, che si rompe. 150 persone aprono la prima Friede, Freude und Eierkuchen“, amore e fratellanza che ballano allegri con l´acid house.“
Tag: berlino, muro, disco, fuoriditesta, tamarri
Puoi essere anche tu un Guest Writer di Staimusic. Semplicemente scrivi la tua visione su questo post o su un aspetto particolare della musica a info@staimusic.com
2022-03-25

FESTE E RAVE ILLEGALI A BERLINO DAGLI ANNI ‘90 A OGGI: INTERVISTA-RACCONTO CON UN ORGANIZZATORE.

Ex Dj-Produttore, organizzatore di Rave illegali e gestore di Night-Club nella Berlino fine anni ‘90 K.H. Dodgy racconta come il crollo del Muro assieme al crollo del sistema in Russia sia stato per molti giovani un periodo di opportunità!

Cresciuto a San Pietroburgo in una famiglia di artisti è stato durante i suoi studi all'Accademia d'Arte che K.H. Dodgy ha iniziato a voler andare contro a ciò che lo circondava organizzando le sue prime feste illegali.

“Era il 1991 e avevo 21 anni quando ho dato il mio primo Rave Illegale con un'intenzione rivoluzionaria mossa dall'idea di voler creare qualcosa di diverso. Affittai per 5$ al mese un grande appartamento nel centro di San Pietroburgo e suonai la musica Techno che alcuni ragazzi, i primi che andarono in Occidente, regalarono a me e ai miei amici. Ricordo che tornarono con un sacco di novità e generi musicali mai sentiti prima dicendo: Ehi ragazzi, questa è la roba nuova!! Diteci un'occhiata!!

… Un giorno, gli stessi ragazzi, vennero a una mia festa e mi dissero: perché non distruggi i muri e non crei un unico spazio comune? Beh, una sera, io e i miei amici, abbiamo buttato giù tutti i muri ottenendo 200 mq. open-space per le nostre feste illegali!”


Cosa significa per te “Rave”?
È difficile descrivere cosa sia un Rave, di sicuro è qualcosa che non ha nulla a che fare con il denaro o con gli affari! Vorrei dire un movimento rivoluzionario, un gruppo di artisti con un background diverso che collaborano per creare una situazione al di fuori della normale routine sociale.

Cosa intendi con “creare una situazione”?
Creare una situazione non è solo avere un buon Dj che suona dei beats costanti, è quando inizi a sentire le persone legate a te. Quando succede qualcosa, significa che c'è una festa, giusto?!? Ebbene, nel mezzo devi ottenere alcuni “fatti dal vivo”. Mi spiego meglio, quando partecipi a una festa illegale sei consapevole che la polizia potrebbe arrivare e tutto potrebbe finire da un momento all’altro, beh le stesse percezioni non le puoi avere durante un evento legalizzato. Devi goderti ogni minuto, non importa chi sei o come ti vesti, ciò che conta alla fine è: “Ti sei divertito? Ti è piaciuta la storia?
Prendi la festa dove ci siamo conosciuti. Le vibrazioni e la connessione erano così forti che quando è arrivata la polizia nessuno avrebbe voluto fermarsi, gli organizzatori lo hanno capito ed è per questo che dopo qualche ora hanno deciso di continuare spostando tutto in una nuova location. Il punto è: anche se la polizia ti spaventa un po' tornerai comunque all'evento successivo, ma con una percezione diversa, perché tutto quello che vuoi fare è ricreare e rivivere la sensazione che hai avuto. I Rave viaggiano sul sostenersi a vicenda, sono tutti tuoi amici un po’ come una famiglia. Quando succede qualcosa non sei solo, sei parte di un gruppo ed è fantastico è assolutamente fantastico!

Racconta un po’… Come sei arrivato in Germania?
Nel 1994 la nave tedesca MS. Stubnitz, che tra l’altro esiste ancora, arrivò al porto di San Pietroburgo. Avresti dovuto vedere… Era una gigantesca piattaforma mobile piena di musica, artisti, performance, workshop e molto altro ancora. Qualcosa di assolutamente diverso... Unico! Una nuova ondata di tolleranza e innovazione. Quella nave e quello che c'era dentro influenzò così tante persone in giro, me compreso, che iniziai a pensare che fosse arrivato il momento di andare oltre!
Probabilmente fu il destino, perché qualche mese dopo un mio amico mi invitò a fargli visita in Germania. Quando arrivai ad Amburgo avevo il visto per un solo giorno, ma incontrai per caso alcuni ragazzi che conobbi nella nave i quali mi aiutarono a rimanere offrendomi una stanza nel loro Club e 300 DM per suonare musica ogni fine settimana. Fu la mia seconda opportunità fino a quando non dovetti lasciare il posto a causa del mio “temperamento selvaggio”... Mi sentii perso, fu un momento particolare della mia vita; un paese nuovo, alla ricerca di un posto dove stare, senza soldi, ma il caso volle che il Team Manager della MS Stubnitz mi contattò per chiedermi se mi fosse interessato suonare durante la loro festa di Capodanno. Il progetto interculturale era finito, così una volta rientrati a Rostock convertirono la nave in un Club.

“Ero così felice che essendo in zona, prima di raggiungere Rostock decisi di fare un giro a un Trans-Rave Festival, mi sentii così “ispirato”, sai... Che persi completamente la connessione del tempo. Non ricordo quanti giorni rimasi lì so solo che una volta arrivato al porto ero bello carico e pronto per suonare, ma mi dissero che era il 2 gennaio … I ragazzi mi presero comunque “a bordo” e fu così che diventai parte della famiglia”

Sembra che tu abbia avuto una “connessione speciale” con la MS. Stubnitz...
Assolutamente sì! Il Team della Stubnitz cambiò la mia vita sin dal primo giorno che sbarcò in Russia. Devi pensare che nessuno di noi era mai stato a Ovest e come tanti altri ragazzi avevo il mio punto di vista immaginando su come potesse essere l'Occidente. Quei ragazzi, in quella nave con il loro progetto ci mostrarono la parte che ci mancava, ci diedero la sensazione di appartenere alla vita di qualcun altro.

Hai qualche ricordo speciale del periodo trascorso nella nave?
Tutte le persone eccezionali che ho incontrato! La maggior parte di loro se n’era andata dal Regno Unito a causa del Criminal Justice Bill contro i Rave e le feste libere. Gary 2000 membro della DS200 Dirty Squatters Band 2000, il mio migliore e grande amico Dj Coost Lardy Cake, The Spider Tribe, gli LS Diesel Kamikaze Sound SS, era un gruppo che organizzava grossi Rave Illegali in Inghilterra. Ricordo che arrivarono con camion enormi, impianti audio giganteschi e un sacco di roba tecnica. Insieme iniziammo a produrre un po' di “Wild Techno”, una sorta di techno che era totalmente all'avanguardia per quel periodo, così all'avanguardia che alle prime feste non venne nessuno... Nelle settimane che seguirono il “periodo di rodaggio” quando la nostra roba iniziò andare cominciammo a partecipare e a presentare vari eventi non solo nella nave, ma anche a importanti festival in diverse città tedesche. La nostra musica piaceva, tanto che un giorno, i ragazzi dell'IM EIMER Club,il primo e il più famoso Squat Club totalmente illegale di Berlino; giusto per farti capire l'elettricità se la prendevano dalla linea U8 della metropolitana. Beh, questi ragazzi vennero a una delle nostre feste, la nostra nuova produzione techno gli piacque e ci chiesero di andarla a suonare una volta al mese durante il Full Moon Party che si teneva nel locale. Nel 1996 decisi di trasferirmi definitivamente a Berlino e l'I.M. EIMER divenne il primo Club illegale dove iniziai a suonare e a organizzare eventi.

Leggi il resto dell’intervista nella nostra pagina dedicata alla musica a Berlino.
Tag: musica da rave, musica a berlino, rave ilegali, techno hardcore, intervista
Puoi essere anche tu un Guest Writer di Staimusic. Semplicemente scrivi la tua visione su questo post o su un aspetto particolare della musica a info@staimusic.com